Soggettività  e nichilismo. La comprensione hegeliana della modernità