L'ANTITECNOLOGISMO ESPRESSIONISTA: LA SCENA IN FUNZIONE DELL'ATTORE