Venanzio Fortunato e la società  del VI secolo