3.3. Il turnover radicale