«Architetto sia l'ingegniero che discorre». Ingeneri, architetti e proti nell'età  della Repubblica