Bologna. Primato della cura materiale e invisibilità  della religione