Ragione pubblica, consenso, democrazia. La giustificazione della democrazia tra universalismo e contestualismo