Siracusa: uno spazio per la tragedia