Preadolescenti "difficili" ed "educativa di strada"