Cartesio ha posto al centro dell’antropologia filosofica il paradosso dell’uomo finito-infinito. Tuttavia l’essere proprio dell’uomo non si manifesta in questa semplice polarità; attraverso il recupero critico dello schematismo trascendentale kantiano, e nella triade finiture-infinitude-intermédiaire, Ricœur recupera l’effettività dell’uomo come unità dialettica “ove il limitato e l’assoluto sono reciproci”.

Oltre la memoria. La dialettica nel pensiero di Paul Ricoeur

MALAGUTI, ILARIA
1999

Abstract

Cartesio ha posto al centro dell’antropologia filosofica il paradosso dell’uomo finito-infinito. Tuttavia l’essere proprio dell’uomo non si manifesta in questa semplice polarità; attraverso il recupero critico dello schematismo trascendentale kantiano, e nella triade finiture-infinitude-intermédiaire, Ricœur recupera l’effettività dell’uomo come unità dialettica “ove il limitato e l’assoluto sono reciproci”.
Sguardi sulla memoria
8879400754
9788879400756
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/161986
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact