«Un tempo assai ricche e piene di libri di merito». Le biblioteche dei regolari tra sviluppo e dispersione