Partendo dai falsi manoscritti dei cantari della Reina d'Oriente di Pucci costruiti dal critico ottocentesco Anicio Bonucci, che ne dette due edizioni, il contributo si sofferma sugli "effetti perversi" indotti dall'affermarsi del paradigma documentario legato alla filologia di fine secolo, che provocò anche, in alcuni critici desiderosi di accreditarsi nel nuovo metodo, la tentazione di ricorrere ai falsi.

[F] for Philology. Paradigma documentario e falso diplomatico nell''800 italiano

MOTTA, ATTILIO
2008

Abstract

Partendo dai falsi manoscritti dei cantari della Reina d'Oriente di Pucci costruiti dal critico ottocentesco Anicio Bonucci, che ne dette due edizioni, il contributo si sofferma sugli "effetti perversi" indotti dall'affermarsi del paradigma documentario legato alla filologia di fine secolo, che provocò anche, in alcuni critici desiderosi di accreditarsi nel nuovo metodo, la tentazione di ricorrere ai falsi.
2008
Contrafactum. Copia, imitazione, falso. Atti del XXXII Convegno Interuniversitario
9788860580047
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/164409
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact