«Cedete lo passo tu!»: il finto italiano antico nel Novecento