"Storia" e "metafisica" della bellezza. Note sull'analisi di un modo misto in Leibniz e Locke