Verso la Corte internazionale permanente