Oggi sono sempre più frequenti gli appelli alla promozione di una cultura scientifica qualificata, vista come una delle risorse culturali capaci di metterci in grado di comprendere i cambiamenti vorticosi che contraddistinguono la nostra epoca, e di prendervi parte in modo consapevole. Nelle pratiche, tuttavia, più che un’idea di scienza come sapere critico, consapevole dei propri limiti e prudente, rigoroso e demistificante, spesso prevale una concezione dogmatica, che guarda alla scienza come sapere certo, definitivo, oggettivo, vero e –intrecciata alla tecnica – la trasforma nello strumento più efficace di cui gli esseri umani dispongono per soggiogare la Natura. Questo libro si propone di far riflettere sulle caratteristiche dell’educazione scientifica e sulla sua praticabilità nella scuola dell’infanzia: a partire dalla considerazione dei connotati socio-culturali ed epistemologici della scienza ci si chiede quale senso essa abbia in rapporto all’educazione del bambino e alle sue caratteristiche di sviluppo, quali siano i vincoli che queste ci pongono, ma anche le possibilità che esse ci aprono. Se consideriamo la conoscenza scientifica non come un “bagaglio” da consegnare ma come uno strumento per conoscere il mondo – modalità via via più raffinata per individuare problemi, porre domande e cercare risposte, modificare la propria opinione attraverso pratiche di indagine e di messa alla prova – allora essa diviene proponibile fin dai primi anni di scuola.

Avvicinarsi alla scienza

ZANATO, ORIETTA
2008

Abstract

Oggi sono sempre più frequenti gli appelli alla promozione di una cultura scientifica qualificata, vista come una delle risorse culturali capaci di metterci in grado di comprendere i cambiamenti vorticosi che contraddistinguono la nostra epoca, e di prendervi parte in modo consapevole. Nelle pratiche, tuttavia, più che un’idea di scienza come sapere critico, consapevole dei propri limiti e prudente, rigoroso e demistificante, spesso prevale una concezione dogmatica, che guarda alla scienza come sapere certo, definitivo, oggettivo, vero e –intrecciata alla tecnica – la trasforma nello strumento più efficace di cui gli esseri umani dispongono per soggiogare la Natura. Questo libro si propone di far riflettere sulle caratteristiche dell’educazione scientifica e sulla sua praticabilità nella scuola dell’infanzia: a partire dalla considerazione dei connotati socio-culturali ed epistemologici della scienza ci si chiede quale senso essa abbia in rapporto all’educazione del bambino e alle sue caratteristiche di sviluppo, quali siano i vincoli che queste ci pongono, ma anche le possibilità che esse ci aprono. Se consideriamo la conoscenza scientifica non come un “bagaglio” da consegnare ma come uno strumento per conoscere il mondo – modalità via via più raffinata per individuare problemi, porre domande e cercare risposte, modificare la propria opinione attraverso pratiche di indagine e di messa alla prova – allora essa diviene proponibile fin dai primi anni di scuola.
2008
9788882325565
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2272060
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact