Il libro ricostruisce la riflessione filosofico-politica di Proudhon nel periodo compreso tra il 1848 e il 1865. Ne esamina sia la fase anarchica, culminante nella elaborazione del concetto di Anarchia positiva in polemica con le idee stataliste del socialismo politico e del radicalismo democratico (al riguardo, rilevano la definizione che Proudhon dà della natura dello Stato come potenza esterna alla società e la sconnessione da lui posta tra contratto e autorità), sia la successiva fase federalista. Del federalismo proudhoniano vengono messi in luce la centralità del tema della giustizia, l'approfondimento critico dei concetti di rappresentanza e di suffragio, e la costante tendenza a oltrepassare la sfera politica per assumere i tratti di una trasformazione che rimodula l'insieme delle relazioni politiche, economiche e sociali. Dalla ricostruzione emerge il filo continuo che lega l'una all'altra fase. Tale continuità è leggibile nel permanere immutato di una negazione della sovranità che si esprime nella messa in questione degli strumenti classici attraverso cui il potere si legittima e l'obbligo politico si fonda.

Proudhondall'anarchia alla federazione

ANDREATTA, DANIELA
2010

Abstract

Il libro ricostruisce la riflessione filosofico-politica di Proudhon nel periodo compreso tra il 1848 e il 1865. Ne esamina sia la fase anarchica, culminante nella elaborazione del concetto di Anarchia positiva in polemica con le idee stataliste del socialismo politico e del radicalismo democratico (al riguardo, rilevano la definizione che Proudhon dà della natura dello Stato come potenza esterna alla società e la sconnessione da lui posta tra contratto e autorità), sia la successiva fase federalista. Del federalismo proudhoniano vengono messi in luce la centralità del tema della giustizia, l'approfondimento critico dei concetti di rappresentanza e di suffragio, e la costante tendenza a oltrepassare la sfera politica per assumere i tratti di una trasformazione che rimodula l'insieme delle relazioni politiche, economiche e sociali. Dalla ricostruzione emerge il filo continuo che lega l'una all'altra fase. Tale continuità è leggibile nel permanere immutato di una negazione della sovranità che si esprime nella messa in questione degli strumenti classici attraverso cui il potere si legittima e l'obbligo politico si fonda.
2010
9788849826456
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2421034
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact