L'articolo analizza anzitutto i meccanismi di adesione alla Convenzione del 29 maggio 2000 stabilita dal Consiglio UE conformemente all'articolo 34 del trattato sull'Unione europea, relativa all'assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell'Unione europea, sottolineando che, mentre si tratta di un atto di diritto internazionale pattizio in senso proprio per i membri dell'Unione a 25, per Romania e Bulgaria essa rileva invece in quanto atto derivato vincolante, essendone l'adesione stata disposta con Decisione del Consiglio. Dopo avere analizzato il contenuto normativo di detta convenzione in relazione alla materia delle intercettazioni telefoniche transfrontaliere, l'autore si confronta con le conseguenze derivanti dalla mancata ratifica italiana di detta convenzione. Esso assume che i meccanismi in essa previsti possano comunque essere messi in atto nell'ambito delle più generali previsioni contenute nella Convenzione europea di cooperazione giudiziaria del 1959, elaborata nel quadro del Consiglio d’Europa, alla quale anche l'Italia è parte.

Le intercettazioni telefoniche transfrontaliere senza l'assistenza tecnica dello Stato richiesto

CORTESE, BERNARDO
2010

Abstract

L'articolo analizza anzitutto i meccanismi di adesione alla Convenzione del 29 maggio 2000 stabilita dal Consiglio UE conformemente all'articolo 34 del trattato sull'Unione europea, relativa all'assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell'Unione europea, sottolineando che, mentre si tratta di un atto di diritto internazionale pattizio in senso proprio per i membri dell'Unione a 25, per Romania e Bulgaria essa rileva invece in quanto atto derivato vincolante, essendone l'adesione stata disposta con Decisione del Consiglio. Dopo avere analizzato il contenuto normativo di detta convenzione in relazione alla materia delle intercettazioni telefoniche transfrontaliere, l'autore si confronta con le conseguenze derivanti dalla mancata ratifica italiana di detta convenzione. Esso assume che i meccanismi in essa previsti possano comunque essere messi in atto nell'ambito delle più generali previsioni contenute nella Convenzione europea di cooperazione giudiziaria del 1959, elaborata nel quadro del Consiglio d’Europa, alla quale anche l'Italia è parte.
2010
Experienţe Italo-Romane in Cooperarea Juridică Internaţională in Materie Penală, Esperienze Italo-Romene nella cooperazione giuridica internazionale in materia penale
9789731252926
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2421380
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact