L’ esperienza dei ditiocarbammati di oro(III)