L’educatore professionale e il paziente gastroenterologico