Il ruolo della familiarità e della prototipicità nella classificazione: confronto tra soggetti con e senza ritardo mentale