Sui modi come indicatori di forza. Qualche osservazione sulle lingue slave in margine alla posizione di Benveniste