Dialoghi con se stesso. Sul c.d. uso "dialettico" del precedente giudiziario