Il presente lavoro si basa sugli assunti teorici e metodologici della teoria dell'attaccamento (Bowlby, 1969-82, 1973, 1980) i quali forniscono una utile chiave di lettura delle caratteristiche della relazione tra l'individuo e la/le persone significative che si prendono cura di lui nel corso dei primi anni di vita. La qualità del legame di attaccamento, inoltre, sembra rimanere stabile durante lo sviluppo del bambino anche in epoche successive all'infanzia, influenzando a sua volta le relazioni significative nel corso della vita, soprattutto per quanto riguarda l'aspetto della genitorialità. Ad un gruppo di 30 madri tossicodipendenti residenti in Comunità Terapeutica con i propri bambini è stata somministrata l'Adult Attachment Interview (George, Kaplan & Main, 1985) allo scopo di valutare il loro "attuale stato della mente relativo all'attaccamento" e la specifica qualità di esso rispetto alla loro storia passata. Solo su un sottogruppo di 20 madri con bambini di età compresa tra i 12 ed i 24 mesi è stato possibile utilizzare anche la Strange Situation (Ainsworth et al. 1978) per una valutazione della qualità del legame di attaccamento nei confronti della madre. Gli aspetti di maggiore interesse emersi sono: - la presenza di qualità di attaccamento non sicuro sia nelle madri che nei bambini, che differenzia il campione da diadi madre-bambino appartenenti alla popolazione generale (Fava Vizziello et al. 1996). - la presenza di modelli multipli e di disorganizzazione dell'attaccamento sia nelle madri che nei bambini, che la teoria ipotizza come fattori di rischio evolutivo per il bambino (Main & Solomon, 1986, 1990; Main, 1991). - la presenza di fattori della storia personale e familiare delle madri tossicodipendenti che sembrano ripetersi nella relazione con il bambino.

Trasmissione intergenerazionale dell’attaccamento e tossicodipendenza: madri e bambini

SIMONELLI, ALESSANDRA;VIZZIELLO, GRAZIA MARIA;CALVO, VINCENZO;
1998

Abstract

Il presente lavoro si basa sugli assunti teorici e metodologici della teoria dell'attaccamento (Bowlby, 1969-82, 1973, 1980) i quali forniscono una utile chiave di lettura delle caratteristiche della relazione tra l'individuo e la/le persone significative che si prendono cura di lui nel corso dei primi anni di vita. La qualità del legame di attaccamento, inoltre, sembra rimanere stabile durante lo sviluppo del bambino anche in epoche successive all'infanzia, influenzando a sua volta le relazioni significative nel corso della vita, soprattutto per quanto riguarda l'aspetto della genitorialità. Ad un gruppo di 30 madri tossicodipendenti residenti in Comunità Terapeutica con i propri bambini è stata somministrata l'Adult Attachment Interview (George, Kaplan & Main, 1985) allo scopo di valutare il loro "attuale stato della mente relativo all'attaccamento" e la specifica qualità di esso rispetto alla loro storia passata. Solo su un sottogruppo di 20 madri con bambini di età compresa tra i 12 ed i 24 mesi è stato possibile utilizzare anche la Strange Situation (Ainsworth et al. 1978) per una valutazione della qualità del legame di attaccamento nei confronti della madre. Gli aspetti di maggiore interesse emersi sono: - la presenza di qualità di attaccamento non sicuro sia nelle madri che nei bambini, che differenzia il campione da diadi madre-bambino appartenenti alla popolazione generale (Fava Vizziello et al. 1996). - la presenza di modelli multipli e di disorganizzazione dell'attaccamento sia nelle madri che nei bambini, che la teoria ipotizza come fattori di rischio evolutivo per il bambino (Main & Solomon, 1986, 1990; Main, 1991). - la presenza di fattori della storia personale e familiare delle madri tossicodipendenti che sembrano ripetersi nella relazione con il bambino.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/2529605
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact