Il ‘nuovo Pitagora’ venuto dal nord. Un sacrificium vespertinum in musica. “Lauda, Jerusalem, Dominum...”