Il silenzio amministrativo tra rivoluzione e reazione delle istituzioni