Relazione terapeutica e consenso dell'adulto "incapace": dalla sostituzione al sostegno