La memoria come «capacitas Dei» secondo Agostino. Unità e complessità