La capacità di fare di calcolo, la più complessa tra le abilità numeriche, è stata indagata nei bimbi in età pre-verbale, ma anche in specie non umane. Bambini di soli 5 mesi di vita e scimmie adulte sono in grado di risolvere semplici addizioni e sottrazioni (Wynn, 1992; Santos et al., 2005). Queste stesse capacità sono state indagate in animali giovani impiegando un compito ispirato a quello usato sui bimbi. Al fine di dimostrarne le abilità aritmetiche, i pulcini sono stati allevati con 5 oggetti identici. E’ noto che i pulcini preferiscono avvicinare la quantità maggiore di oggetti di imprinting, indipendentemente dal numero di oggetti di con cui sono stati allevati (Rugani et al., Dev Sci, 2009). Quando i 5 oggetti venivano separati in un gruppo di 2 ed uno di 3 oggetti fatti scomparire dietro ad uno di due schermi identici i pulcini avvicinavano lo schermo dietro cui era finita la numerosità più grande (N=33; p<.001), e lo facevano anche quando le variabili continue erano controllate eguagliando area o perimetro complessivo tra i due gruppi di oggetti (N=16; p<.001). La scelta doveva essere basata sull’indizio numerico. Nell’esperimento cruciale, dopo la scomparsa iniziale dei due gruppi di oggetti dietro agli schermi, i pulcini assistevano ad una successiva dislocazione visibile di alcune delle palline da uno schermo all’altro. I pulcini continuavano a scegliere lo schermo che nascondeva il numero maggiore di elementi alla fine del secondo spostamento (N=20; p<.001), dimostrando così di saper effettuare semplici operazioni aritmetiche che portano ad una decisione comportamentale basata sull’esito numerico finale e che richiede di valutare e mantenere a memoria eventi successivi. Il fatto che le operazioni presentate ai pulcini coinvolgevano un totale di 5 oggetti è suggestivo se raffrontato ai dati sui bimbi di 10-12 mesi, che falliscono nei compiti numerici se si impiega un numero superiore a 4 oggetti (Feigenson et al., 2002).

Aritmetica elementare: Bimbi e pulcini a confronto

RUGANI, ROSA;REGOLIN, LUCIA;
2009

Abstract

La capacità di fare di calcolo, la più complessa tra le abilità numeriche, è stata indagata nei bimbi in età pre-verbale, ma anche in specie non umane. Bambini di soli 5 mesi di vita e scimmie adulte sono in grado di risolvere semplici addizioni e sottrazioni (Wynn, 1992; Santos et al., 2005). Queste stesse capacità sono state indagate in animali giovani impiegando un compito ispirato a quello usato sui bimbi. Al fine di dimostrarne le abilità aritmetiche, i pulcini sono stati allevati con 5 oggetti identici. E’ noto che i pulcini preferiscono avvicinare la quantità maggiore di oggetti di imprinting, indipendentemente dal numero di oggetti di con cui sono stati allevati (Rugani et al., Dev Sci, 2009). Quando i 5 oggetti venivano separati in un gruppo di 2 ed uno di 3 oggetti fatti scomparire dietro ad uno di due schermi identici i pulcini avvicinavano lo schermo dietro cui era finita la numerosità più grande (N=33; p<.001), e lo facevano anche quando le variabili continue erano controllate eguagliando area o perimetro complessivo tra i due gruppi di oggetti (N=16; p<.001). La scelta doveva essere basata sull’indizio numerico. Nell’esperimento cruciale, dopo la scomparsa iniziale dei due gruppi di oggetti dietro agli schermi, i pulcini assistevano ad una successiva dislocazione visibile di alcune delle palline da uno schermo all’altro. I pulcini continuavano a scegliere lo schermo che nascondeva il numero maggiore di elementi alla fine del secondo spostamento (N=20; p<.001), dimostrando così di saper effettuare semplici operazioni aritmetiche che portano ad una decisione comportamentale basata sull’esito numerico finale e che richiede di valutare e mantenere a memoria eventi successivi. Il fatto che le operazioni presentate ai pulcini coinvolgevano un totale di 5 oggetti è suggestivo se raffrontato ai dati sui bimbi di 10-12 mesi, che falliscono nei compiti numerici se si impiega un numero superiore a 4 oggetti (Feigenson et al., 2002).
2009
Atti del 15 Convegno Nazionale della Associazione Italiana Psicologia (AIP)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2685467
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact