Scopo: Il 50% circa dei pazienti con melanoma dell’uvea (UV) svilupperà metastasi, in prevalenza epatiche. La prognosi dei melanomi uveali metastatici (mUM) è severa e, ad oggi, non vi è una terapia standard. Materiali e metodi: Sono stati analizzati in modo prospettico i dati di 141 pazienti con mUM sottoposti, come approccio iniziale, a TACE con DEBIRI (12,1%), terapia sistemica (39,7%), entrambe (33,3%) o nessuna delle due (14,9%) da Settembre 1990 a Settembre 2013. Risultati: Il tempo medio libero da malattia è stato di 23,1 mesi, la sopravvivenza media dei pazienti in IV stadio è stata di 18,1 mesi. La percentuale di coinvolgimento epatico (RR 1.3), la presenza di malattia multi organo (RR 2.0), l’incremento dei livelli di LDH (RR 1.8) ed un performance status secondo i criteri WHO pari a 1 (RR 1.6) o 2-3 (RR 4,7) sono stati associati ad una prognosi peggiore. In presenza di lunghi intervalli liberi da malattia (RR 0.9), il ricorso a TACE con DEBIRI nel trattamento delle metastasi epatiche ha determinato un incremento della sopravvivenza (22,6 mesi) rispetto alle sole chemioterapie sistemiche (14.4 mesi). In particolare la combinazione di DEBIRI TACE con fotemustina per via sistemica ha determinato il maggiore incremento della sopravvivenza (RR 0,5). Conclusioni: La prognosi dei melanomi uveali metastatici è influenzata da: percentuale di coinvolgimento epatico, presenza di malattia multiorgano, livelli di LDH, performance status, intervallo libero da malattia e dalla terapia loco regionale con DEBIRI.

Ruolo della chemioembolizzazione intra-arteriosa (TACE) con microsfere a rilascio di Irinotecano (DEBIRI) nel trattamento delle metastasi epatiche da melanoma dell’uvea

PIZZIRANI, ENRICO;CARANDINA, RICCARDO;RAMONDO, GAETANO;SCARDICCHIO, SILVIA;POMERRI, FABIO;
2014

Abstract

Scopo: Il 50% circa dei pazienti con melanoma dell’uvea (UV) svilupperà metastasi, in prevalenza epatiche. La prognosi dei melanomi uveali metastatici (mUM) è severa e, ad oggi, non vi è una terapia standard. Materiali e metodi: Sono stati analizzati in modo prospettico i dati di 141 pazienti con mUM sottoposti, come approccio iniziale, a TACE con DEBIRI (12,1%), terapia sistemica (39,7%), entrambe (33,3%) o nessuna delle due (14,9%) da Settembre 1990 a Settembre 2013. Risultati: Il tempo medio libero da malattia è stato di 23,1 mesi, la sopravvivenza media dei pazienti in IV stadio è stata di 18,1 mesi. La percentuale di coinvolgimento epatico (RR 1.3), la presenza di malattia multi organo (RR 2.0), l’incremento dei livelli di LDH (RR 1.8) ed un performance status secondo i criteri WHO pari a 1 (RR 1.6) o 2-3 (RR 4,7) sono stati associati ad una prognosi peggiore. In presenza di lunghi intervalli liberi da malattia (RR 0.9), il ricorso a TACE con DEBIRI nel trattamento delle metastasi epatiche ha determinato un incremento della sopravvivenza (22,6 mesi) rispetto alle sole chemioterapie sistemiche (14.4 mesi). In particolare la combinazione di DEBIRI TACE con fotemustina per via sistemica ha determinato il maggiore incremento della sopravvivenza (RR 0,5). Conclusioni: La prognosi dei melanomi uveali metastatici è influenzata da: percentuale di coinvolgimento epatico, presenza di malattia multiorgano, livelli di LDH, performance status, intervallo libero da malattia e dalla terapia loco regionale con DEBIRI.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/2828329
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact