Contatto intergruppi ed effetti di trasferimento secondario: una questione di differenze individuali?