Tra pedagogia e secentismo: le radici della fortuna dell’interpretazione allegorica in Arcadia e oltre