Il saggio si sofferma sulla metodologia di ricerca messa in campo da ricercatori e studenti di tre società del mondo cinese, quelli della Cina continentale, di Hong Kong e di Taiwan. Si tratta di una collaborazione unica nel suo genere, cominciata dopo che nel 2010 una ventina di operai si era tolta la vita all’interno delle fabbriche della Foxconn. La collaborazione ha garantito una discussione continua sulle informazioni raccolte, grazie anche ai rapporti costruiti con i lavoratori. Si tratta di una metodologia che ha una lunga tradizione, risalendo perlomeno agli inizi del Novecento e che i ricercatori cinesi sviluppano in modo innovativo.

Una nuova palestra della ricerca sociale

GAMBINO, FERRUCCIO;SACCHETTO, DEVI
2015

Abstract

Il saggio si sofferma sulla metodologia di ricerca messa in campo da ricercatori e studenti di tre società del mondo cinese, quelli della Cina continentale, di Hong Kong e di Taiwan. Si tratta di una collaborazione unica nel suo genere, cominciata dopo che nel 2010 una ventina di operai si era tolta la vita all’interno delle fabbriche della Foxconn. La collaborazione ha garantito una discussione continua sulle informazioni raccolte, grazie anche ai rapporti costruiti con i lavoratori. Si tratta di una metodologia che ha una lunga tradizione, risalendo perlomeno agli inizi del Novecento e che i ricercatori cinesi sviluppano in modo innovativo.
Nella fabbrica globale. Vite al lavoro e resistenze operaie nei laboratori della Foxconn
9788897522898
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3098903
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact