Impedire il recesso ad nutum dal vincolo sportivo a tempo indeterminato appare una evidente lesione dei diritti fondamentali dell’atleta che, in quanto essere umano di età inferiore agli anni diciotto, è definito «fanciullo» o «bambino» (child) dall’art. 1 della convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York il 20 novembre 1989 e poi ra-tificata e resa esecutiva in Italia con legge 27 maggio 1991 n. 176.

Vincolo sportivo e diritti fondamentali del minore

MORO, PAOLO
2002

Abstract

Impedire il recesso ad nutum dal vincolo sportivo a tempo indeterminato appare una evidente lesione dei diritti fondamentali dell’atleta che, in quanto essere umano di età inferiore agli anni diciotto, è definito «fanciullo» o «bambino» (child) dall’art. 1 della convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York il 20 novembre 1989 e poi ra-tificata e resa esecutiva in Italia con legge 27 maggio 1991 n. 176.
Vincolo sportivo e diritti fondamentali
9788887969047
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3160829
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact