Ante ecclesia in conventu: alcune riflessioni sul capitolo 343 del Codice di Rotari