La rappresentazione sintattica del credere