Il «serenismo impressionante» di Ferruccio Benzoni (con una lettura)