Manipolare la scala: implicazioni territoriali del “terribile amore per la guerra”