Introduzione. L’eterogeneità del lavoro contemporaneo