«Di poche parole ma ben coniate, come le sue monete». Teopisto Strolin e la sua collezione numismatica