Cosa c’è dopo la «città diffusa»? Alcune domande