Il saggio presenta per la prima volta due nuove e inedite fonti manoscritte di musica in polifonia semplice che attestano per la prima volta questa prassi esecutiva anche all’interno della comunità monastica camaldolese. Si tratta di due codici settecenteschi contenenti messe, inni, antifone, salmi e altri canti per l'ufficio delle ore scritti a due o tre voci e provenienti dai camaldolesi di Classe. Alla produzione d'arte già nota e fiorente tra i monaci della comunità si affianca dunque la scrittura di musiche per la liturgia in polifonia semplice, stile compositivo del quale mancavano ad oggi testimoni per lo specifico ordine. Oltre all'analisi codicologica e contenutistica dei due manoscritti, viene analizzata la scrittura musicale e in particolare la Messa a due voci per San Romualdo e la sequenza Dies irae a quattro, nonché si fornisce in appendice la trascrizione integrale della partitura inedita della sequenza a tre voci "Laeta quies" dedicata a San Benedetto.

Polifonie semplici della tradizione camaldolese nella Biblioteca classense di Ravenna

Paola Dessì
2018

Abstract

Il saggio presenta per la prima volta due nuove e inedite fonti manoscritte di musica in polifonia semplice che attestano per la prima volta questa prassi esecutiva anche all’interno della comunità monastica camaldolese. Si tratta di due codici settecenteschi contenenti messe, inni, antifone, salmi e altri canti per l'ufficio delle ore scritti a due o tre voci e provenienti dai camaldolesi di Classe. Alla produzione d'arte già nota e fiorente tra i monaci della comunità si affianca dunque la scrittura di musiche per la liturgia in polifonia semplice, stile compositivo del quale mancavano ad oggi testimoni per lo specifico ordine. Oltre all'analisi codicologica e contenutistica dei due manoscritti, viene analizzata la scrittura musicale e in particolare la Messa a due voci per San Romualdo e la sequenza Dies irae a quattro, nonché si fornisce in appendice la trascrizione integrale della partitura inedita della sequenza a tre voci "Laeta quies" dedicata a San Benedetto.
2018
Una musica est universalis. L'eredità culturale di Giulio Cattin
9788898216062
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3277429
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact