I nomi non significano nulla. Il bruciacadaveri di Ladislav Fuks come metafora della patologia collettiva del nazismo