Rileggere i classici: una lezione da I nostri antenati