La Direttiva Habitat (1992/43/CEE) ha avviato la costituzione della rete di aree protette più estesa del nostro pianeta: la rete Natura 2000. Oltre 15.000 ettari dei Colli Euganei ne fanno parte; un paesaggio vegetale assai ricco, la cui complessità è accentuata dalle attività umane, che ospita 2.300 ettari di habitat di interesse comunitario. Questo volume tratta gli habitat dei prati aridi e dei castagneti, rispettivamente, tra i più minacciati (1,5% della superficie totale), e tra i più estesi (1.700 ettari) dei Colli. Si interessa anche dei boschi di robinia, un albero di origine nordamericana, molto competitivo, che copre 2.080 ettari, una superficie maggiore di quella dei castagneti stessi. Questa competitività può mettere a serio rischio i due habitat europei e compromettere le azioni a sostegno della loro conservazione. Il volume si rivolge a quanti hanno interesse, professionale o personale, per la conservazione e la gestione della natura; affronta, prima che il caso euganeo, i concetti chiave per la comprensione degli obiettivi della Direttiva Habitat e della rete Natura 2000. Del caso euganeo approfondisce la flora, le farfalle e le cavallette, fornendo strumenti per la valutazione del grado di conservazione e dell’incidenza delle attività umane, nonché dei benefici che da essa possono derivare.

Natura 2000 e paesaggio euganeo. Habitat sotto la lente

Sitzia T.;Campagnaro T.;Crivellaro A.;Iacopino S.;Michielon B.;Paolucci P.;Perfetti M.;Piazzi C.;Quetri T.;
2018

Abstract

La Direttiva Habitat (1992/43/CEE) ha avviato la costituzione della rete di aree protette più estesa del nostro pianeta: la rete Natura 2000. Oltre 15.000 ettari dei Colli Euganei ne fanno parte; un paesaggio vegetale assai ricco, la cui complessità è accentuata dalle attività umane, che ospita 2.300 ettari di habitat di interesse comunitario. Questo volume tratta gli habitat dei prati aridi e dei castagneti, rispettivamente, tra i più minacciati (1,5% della superficie totale), e tra i più estesi (1.700 ettari) dei Colli. Si interessa anche dei boschi di robinia, un albero di origine nordamericana, molto competitivo, che copre 2.080 ettari, una superficie maggiore di quella dei castagneti stessi. Questa competitività può mettere a serio rischio i due habitat europei e compromettere le azioni a sostegno della loro conservazione. Il volume si rivolge a quanti hanno interesse, professionale o personale, per la conservazione e la gestione della natura; affronta, prima che il caso euganeo, i concetti chiave per la comprensione degli obiettivi della Direttiva Habitat e della rete Natura 2000. Del caso euganeo approfondisce la flora, le farfalle e le cavallette, fornendo strumenti per la valutazione del grado di conservazione e dell’incidenza delle attività umane, nonché dei benefici che da essa possono derivare.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3308401
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact