Musica come "interiorità". Hegel, Adorno e Rossini