Coercizione e disagio psichico. La contenzione tra dignità e sicurezza