Il contributo analizza il controverso rapporto di Leopardi con Bembo, studiando la permanenza del veneziano nella 'varia lectio' e nelle "Annotazioni", e analizzando lo "Zibaldone" e le due "Crestomazie". Ne emerge un uso fuzionale di Bembo, da parte di Leopardi, in funzione anticruscante.

Le ragioni di un'esclusione: Leopardi e Bembo

Monica Zanardo
2010

Abstract

Il contributo analizza il controverso rapporto di Leopardi con Bembo, studiando la permanenza del veneziano nella 'varia lectio' e nelle "Annotazioni", e analizzando lo "Zibaldone" e le due "Crestomazie". Ne emerge un uso fuzionale di Bembo, da parte di Leopardi, in funzione anticruscante.
Leopardi e il '500
9788863152135
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3325293
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact