Il testo introduce il testo di M. Vaquero Piñeiro dedicato ad una profonda riflessione sulle caratteristiche del territorio dell'Appennino centrale e il suo sviluppo nel corso degli ultimi secoli, in cui queste terre sono state martoriate da terremoti, conseguenti crisi economiche e progressivo abbandono. Nell'Introduzione si rimarcano gli effetti devastanti del sisma, non solo sull'organizzazione economica, sulla struttura sociale, ma anche sulla psiche degli abitanti, sulla loro identità, segnando profondamente le comunità. Ma nello stesso tempo il sisma può essere capace di mostrare anche la fora di una comunità che resiste, adattandosi e modificando pratiche e saperi per costruire nuove forme di resilienza.

La montagna della Sibilla. Introduzione

Savino M.;
2020

Abstract

Il testo introduce il testo di M. Vaquero Piñeiro dedicato ad una profonda riflessione sulle caratteristiche del territorio dell'Appennino centrale e il suo sviluppo nel corso degli ultimi secoli, in cui queste terre sono state martoriate da terremoti, conseguenti crisi economiche e progressivo abbandono. Nell'Introduzione si rimarcano gli effetti devastanti del sisma, non solo sull'organizzazione economica, sulla struttura sociale, ma anche sulla psiche degli abitanti, sulla loro identità, segnando profondamente le comunità. Ma nello stesso tempo il sisma può essere capace di mostrare anche la fora di una comunità che resiste, adattandosi e modificando pratiche e saperi per costruire nuove forme di resilienza.
La montagna della Sibilla
978-88-6938-194-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3335812
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact