Karel Čapek e la Krakatite: La vita è un esplosivo